cerca

Altri eventi

“La strada interrotta ” omaggio a Patrick Leigh Fermor con William Blacker e Matteo Nucci

01 gennaio 1970

Venerdi 8 maggio alle ore 20,45. Villa Ca’ Vendri. Via Vendri 39, Quinto di Valpantena(VR) la libreria gulliver presenta: “ La strada interrotta “ omaggio a Patrick Leigh Fermor con William Blacker e Matteo Nucci

il protagonista

Nel giugno 2015, anno del centenario della nascita, verrà finalmente pubblicato in italia da adelphi il terzo volume del viaggio che nel 1934 Patrick Leigh Fermor fece dall’ olanda sino a costantinopoli . Per l’occasione la libreria gulliver ha organizzato una serata in omaggio del grande viaggiatore inglese, nel suggestivo scenario di una villa del ‘500 e con due relatori di prestigio.

«Questo volume conclusivo assicura alla trilogia un posto fra i capolavori del genere – e fra tutta la non-fiction inglese del dopoguerra» (w. Dalrymple).

Patrick Leigh Fermor ha trascorso decenni della sua vita a raccontare un viaggio fatto a diciotto anni, dalle coste olandesi sino al bosforo , munito solo di uno zaino da alpinista, un vecchio cappotto militare, scarponi chiodati, l’oxford book of english verse e un passaporto nuovo di zecca. Dopo i precedenti “ tempo di regali “ e “tra i boschi e l’ acqua”, tutti editi da adelphi, con questo libro
( in originale “the broken road”) si conclude la trilogia che ne è scaturita. Lo splendore crepuscolare della mitteleuropa cede qui il passo alla realtà più sofferta delle terre da poco redente dal «giogo ottomano», i toni sono più autunnali e introspettivi, ma – leggendo di palazzi aristocratici, nottate all’addiaccio e migrazioni di cicogne, esperimenti con l’hashish e chiese bizantine – si riconosce l’inconfondibile voce dell’ autore e la sua capacità di assorbire qualsiasi cosa, conservando intatto il debordante entusiasmo dei diciotto anni.
patrick leigh fermor è noto in italia anche per il suo libro sul mani – ultima propaggine del peloponneso- , terra magnifica e strana, che si distacca dal resto della grecia per la sua natura aspra e la sua storica inaccessibilità.

E’ considerato a ragione uno dei massimi autori di viaggio del xx secolo, alla stregua di Robert Byron e Bruce Chatwin , che non a caso volle essere sepolto vicino alla casa nel mani ove leigh fermor visse per oltre 60 anni.

I relatori

William blacker , scrittore e giornalista freelance, per sei mesi all’ anno vive in gran bretagna collaborando con riviste prestigiose quali il times, il daily telegraph e the ecologist. Per gli altri sei mesi, fa invece il contadino presso una comunità di zingari in un villaggio nel maramures, in romania , ove cresce il figlio, nato da una relazione con una giovane zingara di cui si era innamorato perdutamente. La sua esperienza in romania , nella quale si adegua ad uno stile di vita immutato da secoli, è alla base del suo libro “ lungo la via incantata”(adelphi) che leigh fermor teneva ”vicinissimo al cuore”, avendo attraversato quelle terre 80 anni prima. Sarà quindi doppiamente interessante la presenza di blacker come autore di un libro già divenuto “di culto “ ed amico personale di leigh fermor negli ultimi anni della sua vita .

Matteo nucci giornalista e scrittore, collabora da anni al “venerdi “ di repubblica, al messaggero ed a nuovi argomenti. Con “sono comuni le cose degli amici” ( ponte alle grazie ) è stato finalista al premio strega 2010. Dopo uno splendido libro sulla “hispanidad” ( il toro non sbaglia mai”- ponte alle grazie 2011 ) ha pubblicato nel 2013 “ le lacrime degli eroi “( einaudi ) un saggio romanzato che, ripercorrendo la storia del pianto nel mondo omerico, racconta l’evoluzione della civiltà greca dal mondo arcaico a quello classico, intrecciandola con ciò che di quella civiltà è rimasto nel mondo greco di oggi.

E’ un grande ed appassionato conoscitore della grecia, da quella ferita di questo scorcio di presente a quella classica che ha ispirato tanti scrittori viaggiatori, non ultimo patrick leigh fermor .

Il luogo

La presentazione avrà luogo ’ a ca’ vendri (www.villacavendri.it), nel cuore della valpantena , splendida villa veneta del primo cinquecento costruita dalla scuola del sanmicheli . Alla classica corte si accede da un porticato a nove arcate; la presentazione sara’ effettuata nel salone centrale situato nel piano nobile della villa , la cui struttura principale è in linea con le dimore patrizie del rinascimento veneto .

Il parco all’inglese, anch’esso vincolato quale monumento nazionale, è ornato da statue settecentesche, da un ninfeo, dalla cappella di famiglia, da un’ ampia vasca di pietra e dal viale di cipressi secolari all’ingresso nord della villa.

Ingresso libero

Con degustazione gratuita di vini dell’ azienda pasqua di san felice extra

Villa Ca' Vendri


Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...