.cerca

Concerti

Concerto Jovanotti all’Arena

dal 15 maggio 2018 al 22 maggio 2018

Arena di Verona

Jova è qui la festa

Lorenzo Live 2018, sei serate da tutto esaurito in Arena di Verona

(di Giulio Brusati)

Sei serate sold out in Arena di Verona per Lorenzo live 2018, lo show prodotto da Trident Music, dal 15 al 22 maggio a Verona. Saranno 72mila i fan che riempiranno l’anfiteatro nelle date del 15 e 16, 18 e 19, 21 e 22. Sarà curioso vedere come Lorenzo trasformerà la scenografia dello spettacolo indoor che prevedeva una serie di grandi lampadari per mutare lo spazio dei palasort in un immenso salone delle feste. Lo show si apre con un’opera realizzata da Manuele Fior, uno dei più grandi fumettisti italiani alle prese con la sua prima animazione: partendo da un’idea di Lorenzo, ha scritto e realizzato un cartone introduttivo con protagonista Jova/Don Chisciotte e un recitato di Miguel Bosé in spagnolo. «Sono sempre stato affascinato dal personaggio inventato da Cervantes», ha detto Lorenzo. «Era uscita una nuova traduzione di Don Chisciotte e leggendola ho scoperto che il cavaliere nel romanzo ha la mia età di oggi; è sulla cinquantina. È bastato questo “futile motivo” a farmi scattare sull’attenti e a farmi pensare a lui come spirito guida dello spettacolo, una sorta di sottotesto».

LA BAND. In scena con Lorenzo ci sono Saturnino (basso), Riccardo Onori (chitarra), Christian Rigano (tastiere e synth) Franco Santarnecchi (piano e fisarmonica) Gareth Brown (batteria) Leo di Angilla (percussioni), Gianluca Petrella (trombone), Jordan Mc Lean (tromba) e Matthew Bauder (sax). «Il cuore di tutto è la band», dice Jova. «La musica naturalmente, le mie canzoni in questa sequenza pensata come un unico flusso in tre atti (più i bis). Non ho mai avuto una band in stato di grazia come stavolta, con una grande nuova sezione fiati e i miei musicisti collaboratori di sempre ancora più a fuoco. Chiedo molto alla mia band perché in questo concerto le atmosfere cambiano di continuo e per un musicista si tratta di spingere sempre al massimo e sempre in modo diverso. La spina dorsale dello show è la musica e il viaggio, passando da atmosfere acustiche all’hip hop al dancehall alla disco al rock’n’roll senza fermarsi mai. Rispetto ai miei show degli ultimi dieci anni qui c’è un cambio di direzione verso un’idea più decostruita del concerto, più libera da qualsiasi schema, è un tour all’insegna della mia idea di rock’n’roll show».

COME NON CI FOSSE DOMANI. «L’idea», spiega Lorenzo, «è di vivere, nel tour, un concerto alla volta come se fosse unico e non ci fosse un domani, e con un pubblico come il mio è possibile. Un mio amico dell’ambiente tesseva le lodi del mio pubblico, dicendomi cose che io so bene ma che se uno da fuori viene a vedere uno show non può non notare. L’atmosfera che si crea è indescrivibile».

LA LIBERTÀ. «Avevo bisogno di uscire dalla routine lavorativa e sentivo che il disco precedente a “Oh, Vita!” era l’ultimo capitolo di un ciclo durato 10 anni», ammette Jova, che poi passa ad analizzare una delle parole che tornano nel nuovo album. «Anche le parole assumono un nuovo significato, ora. Come “libertà”, intorno cui ruota tutto il mio nuovo disco (e con “Viva la libertà” chiude i concerti, ndr). È una parola che va riempita di un nuovo significato, bisogna soffiarci dentro per dare nuovo spirito. E libertà è una parola che è stata sulle montagne russe, usata dal Pci e dalla Dc, da Berlusconi e dagli hacker della rete. Di tutte le parole è quella più svuotata di significato».

GIMME FIVE. «Trent’anni fa usciva “Gimme Five”, e poi l’album “Jovanotti for President” dove in copertina saltavo con un paio di mutande, un chiodo e sotto al chiodo una maglietta dei Beastie Boys, prodotti da Rick Rubin, pensa un po’ (Rubin è il produttore del recente disco di Lorenzo, “Oh, Vita!”). Saltavo perché non sapevo fare altro, e quando Franchino Tuzio mi portò da Gianni Ghidini per la foto di copertina (che poi è diventato il padrino di mia figlia e comunque ha scattato anche la copertina di “Oh, Vita!”) io non avevo mai fatto un servizio fotografico in uno studio vero. Vidi che in un angolo c’era un piccolo trampolino di quelli rotondi per saltare e lo mettemmo in mezzo: così poteva fotografarmi col flash mentre saltavo, ai piedi un paio di anfibi che avevo spruzzato con le bombolette spray. E anche adesso, in concerto, continuo a saltare! Sbam!»


La scaletta di Lorenzo Live 2018 in Arena di Verona

Ti porto via con me
Le canzoni
Penso positivo
In Italia
Oh vita
SBAM
Gli immortali
Mi fido di te
Sbagliato
Baciami ancora
Chiaro di luna
Fame

(dj set)
Non m’annoio – Attaccami la spina
Muoviti muoviti – Una tribù che balla
Tanto tanto tanto

L’ombelico del mondo
A te
Ti sposerò
Ragazza magica
L’estate addosso
Tutto l’amore che ho
Safari
Tensione evolutiva
Sabato
Il più grande spettacolo dopo il Big Bang

Ciao mamma
Ragazzo fortunato
Le tasche piene di sassi/ Gente della notte
Mezzogiorno
Viva la libertà

Arena di Verona
Piazza Brà, 1,
37121 Verona


dal 15 maggio 2018 al 16 maggio 2018
dal 18 maggio 2018 al 19 maggio 2018
dal 21 maggio 2018 al 22 maggio 2018

.i consigliati di Carnet.

.Scopri i nostri consigliati.

.i top di Carnet.

.Scopri i top.

.Vivere Verona.

.mostra altre attività.

.il calendario.

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

.la newsletter.

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni, nightlife...

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di terze parti (tecnici e di profilazione) per migliorare la tua esperienza di navigazione e fornirti un servizio in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni di questi cookie clicca qui. Cliccando, chiudendo questa finestra oppure continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.