cerca

Mostre

L “anima” delle Dolomiti protagonista al Mart

01 gennaio 1970

Al via il progetto “Dolomites Project 2010”l’ “anima” delle Dolomiti protagonista al Mart

Dal 12 febbraio al primo maggio una mostra monografica di Olivo Barbieri propone un percorso attraverso le montagne Patrimonio dell’Umanità Unesco indagate da una prospettiva originale, tra fotografie e un cortometraggio ad esso dedicato

Le Dolomiti saranno le grandi protagoniste della prossima mostra del Mart di Rovereto. Dal 12 febbraio al primo maggio il Museo di arte contemporanea di Rovereto ospita “Dolomites Project 2010”, una mostra monografica di Olivo Barbieri, che comprende dieci fotografie di grande formato e un film in alta definizione di dodici minuti.
Il progetto è stato ideato e realizzato dallo stesso Barbieri in sinergia con Trentino Marketing, Mart e Provincia autonoma di Trento nell’ambito delle iniziative volte a promuovere a livello internazionale il riconoscimento da parte dell’Unesco delle Dolomiti Patrimonio Naturale dell’Umanità.
Barbieri, originario di Carpi (Modena), porterà nei saloni del Mart la sua tecnica fotografica, attraverso la quale filtra le emozioni che la natura (e in questo caso la maestosità delle Dolomiti) sa regalare, portando avanti la sua personale ricerca delle tante sfaccettature della realtà esistenti in natura e domandandosi quanto la nostra percezione sappia davvero comprendere ciò che ci circonda.

L’artista ha frequentato il D.A.M.S. di Bologna e fin dai primi anni ’70 ha sviluppato il proprio interesse per la fotografia, concentrando inizialmente la propria ricerca sulle città europee e orientali, sul loro dinamismo, sull’illuminazione. Nel 1996 si è tenuta la prima retrospettiva delle sue opere al Folkwang Museum di Essen. Dalla metà degli anni Novanta ha adottato una nuova tecnica fotografica, che gli permette di mantenere a fuoco solo alcuni punti dell’immagine: i paesaggi rappresentati, ripresi dall’elicottero, appaiono così come dei plastici, delle sorprendenti e spiazzanti visioni.
Le Dolomiti esistono da duecentocinquanta milioni di anni e il materiale che le compone, la Dolomia, viene da abissi oceanici. Barbieri le interpreta come architetture progettate da una mano, forme simboliche in movimento, e nella linea delle vette rivede una “storia della terra capovolta”.
Il suo lavoro invita quindi a una riflessione sull’ambiente e l’ecosostenibilità di queste straordinarie costruzioni naturali. In occasione della mostra è stato prodotto un catalogo dal titolo “Dolomites Project 2010”, edito da Damiani Editore e saranno organizzati incontri e serate in collaborazione con il Museo Tridentino di scienze naturali, nelle quali le Dolomiti saranno svelate anche nei loro aspetti geologici e storici.

Villa d’Acquarone detta la Musella


Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...