cerca

Mostre

Matteo Gironi Adoratori di infinito

01 gennaio 1970

Introflessione 013 – 2010
feltro in lana naturale, colla a caldo, cera d'api sbiancata
60 x 25 x 13 cm

Arte-design: installazioni palpabili e astratte al tempo stesso, nate dalla scoperta casuale del feltro. Dal 3 dicembre al 30 gennaio 2011

Inaugurazione 3 dicembre ore 18.00

Aperitivo di Natale  il 17-dicembre
Durante la mostra di Matteo Gironi scambio di auguri in galleria  la mostra è visibile fino al 30 gennaio

Finissage della mostra di Matteo Gironi  il 28-gennaio 2011

Finissage della mostra con musica 

Il sublime è qui

Traduce nella malleabilità sostenuta del feltro e nell’apparente cedevolezza della cera i suoi sogni sublimi, Matteo Gironi, li articola in ondulazioni e movimenti che rispondono ad un’interiore partitura musicale, li modula morbidamente in curve e pieghe, li drappeggia in introflessioni ed estroflessioni che nulla tolgono allo slancio verticale sempre presente nelle sue opere.

Chimere barocche, segnate da una contraddizione di borrominiana ascendenza, le sue “sculture morbide” eppure ardite, nelle fessure del feltro tagliato ed assemblato ad arte e nella cera candida o imbevuta di nero pigmento che le riveste, possono rivelare la luce o la tenebra, il baluginare del mistero o il suo ritrarsi nell’oscurità impenetrabile.

Tra le pieghe della materia, pervasa dall’inquietudine di un instabile equilibrio, emerge tutta la tensione e l’aspirazione all’infinito che conferisce un’impronta di sacralità a tutte le opere di quest’artista. Se la piega ha da sempre caratterizzato l'arte e una caratteristica del Barocco è replicarla all'infinito, Matteo Gironi, anima d’artista modulata da studi d’architettura, esprime le sue “intenzioni barocche” attraverso la replicazione di moduli che, assemblati, creano una texture atta ad innumerevoli possibilità di torsione, avvolgimento, piegatura, increspamento e sinuosità. Come nel barocco, lo scultore-architetto nelle sue opere curva e ricurva le pieghe nel feltro, le porta all'infinito, piega su piega, piega nella piega, ricoprendole poi con la cera. Così alle sue installazioni, per certi versi assimilabili ad altari barocchi, si può applicare tout-court la lettura deleuziana: “In basso, la materia è ammassata in un primo genere di pieghe, ed è poi organizzata in un secondo genere di pieghe (…). In alto, invece, l'anima canta la gloria di Dio, percorrendo le sue stesse pieghe, senza mai giungere a svilupparle interamente, poiché esse vanno all'infinito”. In esse si rivela heideggerianamente quella lotta originaria in cui viene conquistata quell’Aperura in cui sta dentro ogni cosa e da cui emerge, ritirandovisi, ciò che si manifesta come presenza inafferrabile.

Ogni opera di Matteo Gironi, più che un ergon, è un’energheia: attività, forma in divenire, dinamica, mai statica o cristallizzata. E, paradossalmente la fessura – in queste sculture che nelle lande del postmoderno parlano un linguaggio nuovo e  significante – risulta come il vuoto che tiene assieme il tutto, il taglio che lascia emergere la luce, che unisce e nel contempo tiene a distanza, che esprime un “congiungere illuminante”, l’intimità di un convenire tra finito ed infinito, l’incontro tra il limite e l’illimitato. Il sublime è qui.

Elisabetta Bovo                                                           

Forte austriaco di San Giorgio


Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...