cerca

Spettacoli

La guerra. Un assedio ingarbugliato fra femmine e soldati

01 gennaio 1970

Un Goldoni poco frequentato. Un Goldoni che ci parla di guerra ma a modo suo, usando la comicità e l’ironia.

 

da Carlo Goldoni

adattamento  Fulvio Ianneo
regia Lorenzo Bassotto
con Lorenzo Bassotto, Monica Ceccardi, Roberto Macchi e Anna Benico
scene
, luci e audio di Alberto Costantini e Giancarlo Dalla Chiara
costumi
Sonia Mirandola

 Un Goldoni poco frequentato. Un Goldoni che ci parla di guerra ma a modo suo, usando la comicità e l’ironia. La Guerra contiene tutti gli elementi che le corrispondono pienamente: la vita quotidiana dei soldati sempre alla ricerca di emozioni forti.

Sono i soldati che, anche lontano dagli strepiti di una battaglia, cercano ad ogni costo l’eccitazione. Soprattutto uno, quello disegnato dalla penna del commediografo Veneziano. Un soldato, deciso, anche a rischio di coprirsi di ridicolo, di buttarsi a capofitto nel vortice di un qualsiasi gioco pur di provocare i suoi sensi e il suo bisogno di gloria.Goldoni qui si diverte, con vivace realismo, a disegnarne i tratti mentre s’infiamma per una donna, mentre gioca a carte.
L’uomo soldato infatti, si sente cacciatore, convinto della sua superiorità, nel momento più alto della sua immaturità, e finisce per imbattersi in una donna umanamente più cristallina, che rende migliore l’uomo quando suscita in lui l’amore. Una donna capace, con la sua astuzia, di mettere in evidenza la stoltezza maschile perché riesce facilmente a prendersi gioco di lui. È questa la guerra di cui si occupa “La Guerra”: il racconto di un assedio e di tutti i fatti accaduti raccontati da due uomini e due donne che si somigliano e si alternano sul ring, dove vincerà chi riuscirà a rendere più credibile la sua versione dei fatti.

Lo spettacolo rientra nella rassegna “Atto III” organizzata da Fondazione Aida in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche Giovanili del Comune di Verona.

Per un approfondimento allego due foto dello spettacolo. Copy Barbara Rigon.

Teatro Filippini: vicolo Dietro Campanile Filippini Verona. Tel 045/592709 fondazione@f-aida.it. Acquisto online dal sito www.fondazioneaida.it.
Biglietti: 10 euro (intero) / 8 euro (ridotto)

Informazioni per il pubblico:

Fondazione AIDA tel. 0458001471 / 045 595284
Fax 045 8009850
e-mail: fondazione@f-aida.it
www.fondazioneaida.it

Teatro Filippini


Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...