cerca

Spettacoli

Performance teatrale : Madri di Maria Teresa Ferrari

01 gennaio 1970

foto Antonella Anti

MADRI ALL’ORIGINE DEL CORAGGIO A MADRI, giovedì 14 aprile, presso Palazzo Orti Manara, ore 18.30 e ore 21, performance tra arte e teatro di Maria Teresa Ferrari con Patricia Zanco.   

Le storie delle donne bibliche ispirano MADRI, inedita performance, che coniuga teatro e arte contemporanea, scritta e diretta dalla critica d’arte Maria Teresa Ferrari. Si terrà presso CrediVeneto, Palazzo Orti Manara, Stradone Porta Palio 31, giovedì 14 aprile, in due repliche, alle ore 18.30 e alle ore 21, nell’ambito della rassegna “MADRI. All’origine del coraggio” – promossa da Provincia di Verona, Commissione Pari Opportunità della Provincia di Verona, Consigliera di Parità, Comune di Verona, Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Verona, Comitato Pari Opportunità dell’Università di Verona, in collaborazione con lo SpazioArte Pisanello-Fondazione Toniolo, il giornale L’Arena con il contributo di CrediVeneto.

A partire da Eva, Madre dei Viventi, e dalla sua “scelta”, la performance si articola in momenti di grande pathos che toccano pagine della nostra storia, vista attraverso le Sacre Scritture.

Il monologo racconta anche di altre Madri in Israele, dando voce alle tante donne che vengono dopo di lei, figure femminili che riempiono i racconti biblici con le loro azioni ma anche con i loro silenzi. Si arriverà all’oggi con Maria di Magdala, donna più contemporanea che mai, donna che ha saputo rialzarsi e guardare avanti, anche quando tutto sembrava perduto.

Come nel progetto “MADRI. All’origine del coraggio” si è voluto creare un continuo dialogo tra la donna antica – le nostre antenate – e quella contemporanea, così nella performance l’obiettivo è di affidare il contemporaneo all’arte in un vivace, suggestivo, ma anche forte e talvolta duro, percorso che affonda lo sguardo nella nostra storia più profonda.

Il monologo teatrale è interpretato da Patricia Zanco, attrice legata da sempre alla ricerca teatrale, anche vocale, attualmente in tournèe con  “Maria Callas. Il Canto della Vergogna”, prodotto da La Piccionaia T.S.I. in collaborazione col Teatro Stabile del Veneto. La Zanco lavora da sempre con successo sulle donne, siano esse figure mitologiche o contemporanee (da Kassandra a Medea, Tina Merlin e tante altre).

La performance è arricchita da parole e musiche ebraiche, affidate ad Angel Harkatz, chazzan (cantore in Sinagoga) e al Maestro Alfredo Scalari al pianoforte.

In questo continuo rimando tra antico e contemporaneo, i momenti focali del testo saranno sottolineati da immagini e video significativi di artiste contemporanee internazionali (da Marina Abramović a Vanessa Beecroft), scelte dalla stessa critica d’arte in collaborazione col Centro Videoinsight® di Torino, diretto da Rebecca Luciana Russo, psicoterapeuta e collezionista d’arte contemporanea. Una scelta condivisa, che vede un serrata indagine, anche psicologica, tra arte e vita.

Tra i tanti linguaggi, l’arte racchiude una forza poetica-visiva che bene racconta il nostro contemporaneo. Dare parola alle immagini è creare una nuova visione delle stesse che permette di sentirle come testimonianze presenti che continuano a essere vive. L’arte ancora una volta si misura con una realtà sconfinata che si trasforma non soltanto verso il futuro ma anche verso il passato.

L’adattamento scenico è della stessa Ferrari e di Riccardo Ricci.  

E’ necessaria la prenotazione indicando l’orario prescelto, telefonando al 349 4383879. 

  

Innsbruck, Centro Storico
6020 Innsbruck


Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...