cerca

News

“Chi non fuma vince “Iniziativa LILT Campagna antifumo rivolta ai giovani veronesi

1 Gennaio 2013
Cantina Cesari Gerardo

FOTO ANTI

 

 “Chi Non Fuma Vince”, iniziativa LILT

Campagna antifumo rivolta ai giovani veronesi

 

Oggi, nella sala Rossa del Palazzo Scaligero, l’assessore alle Politiche per l’istruzione Marco Luciani ha presentato il concorso a premi “Chi Non Fuma Vince”, promosso dalla L.I.L.T. – Lega Italiana per la lotta contro i Tumori – che si concluderà il 31 maggio 2011 in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco.

 

Erano presenti: il presidente e la vice presidente della L.I.L.T – sezione Verona rispettivamente Gianni Stevoli e Maria Dal Mas Cadura; i rappresentanti delle Ulss 20 e 21, rispettivamente  Pietro Madera responsabile unità contro il tabagismo e Enzio Manzato coordinatore aziendale progetto antifumo; il sindaco di Legnago Roberto Rettondini; l’assessore ai Servizi Sociale del Comune di Castel D’Azzano Pino Caldana; l’assessore all’Istruzione di Isola della Scala Paola Perbelli e la vice preside della scuola media di Isola della Scala Bruna Paola Filippi.

Erano presenti anche i due responsabili dei progetti educativi di Gardaland Sea Life.

 

Il concorso è riservato agli studenti delle scuole medie dei Comuni di: Castel d’Azzano, Isola della Scala, Legnago e di Soave per sensibilizzarli sui problemi del fumo.

Il fumo attivo o passivo costituisce un evidente fattore di rischio per il tumore polmonare. Si tratta di una malattia che progredisce sino a giungere a stadi avanzati e difficilmente curabili. L’iniziativa intende sensibilizzare i più giovani attraverso l’educazione alla salute.

 

In questi anni, visto il dato drammatico dei giovani fumatori aumentare, le Ulss 20 e 21 hanno incentivato l’attività di prevenzione a partire dalle scuole elementari. Il progetto ‘C’era una volta’ creato appositamente per i bambini dai 6 agli 11 anni dall’Ulss 20, ha l’obiettivo di evitare al bambino l’incontro con il fumo facendogli così mantenere una vita in buona salute. Attraverso la peer-education vengono scelti nel gruppo classe dei peer leader, i quali vengono poi formati dai preparati educatori e successivamente, rientrati nel gruppo classe, a loro volta fanno prevenzione; così da sensibilizzarli al problema del fumo tra di loro e non attraverso l’imposizione di un adulto.

 

Assessore Luciani: “Progetto ‘Chi non fuma vince’ è di grande valenza ed importanza. I dati parlano chiaro: oggi nel nostro Paese fuma il 57% dei ragazzi che rappresentano complessivamente il 30% di tutti i fumatori. Uno su cinque comincia prima dei 14 anni e lo fa per socializzare, per sembrare più grande o per imitazione di un adulto a lui vicino. E’ quindi necessario che la prevenzione inizi fin dalle scuole elementari in quanto il problema dei giovani e del tabagismo è una vera emergenza. Importante è far capire loro che si è grandi anche senza una sigaretta in bocca e che mantenersi i salute è fondamentale per vivere bene”.

 

Stevoli/presidente LILT: “Prevenire è vivere questo è il motto quotidiano alla LILT. Trattare una campagna di prevenzione al tabagismo attraverso un concorso è una mossa importante perché i giovani attraverso un elaborato, quale un disegno o un racconto, possano raccontare il rapporto che hanno con il fumo e comprendere quanto dannoso sia. Il concorso avrà una giuria ad hoc e premi allettanti. Per questo ringraziamo i collaboratori, Gardaland e Chievo, che non sono semplici sponsor ma che hanno  creduto in noi fin dall’inizio, creando così un’importante collaborazione. Sono anni che noi della LILT entriamo nelle scuole per combattere il tabagismo e speriamo davvero che anche questo progetto possa aiutare i ragazzi a comprendere quanto il fumo danneggi la loro vita evitando completamente il contatto con le sigarette”.

Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...