cerca

News

Confcommercio Verona

1 Gennaio 2013
Ristorante Al Cristo

Paolo Arena è il nuovo presidente di Confcommercio Verona

In giunta Baldo, Artelio, Danese, Tosi, Ambrosini, Rama, Basevi, Olivieri

 

Fernando Morando, eletto presidente onorario, ha tracciato il bilancio dei suoi due mandati durante l’affollatissima assemblea dei presidenti.  

 

E’ Paolo Arena il nuovo presidente di Confcommercio Verona. Lo ha deciso all’unanimità e per acclamazione l’affollata assemblea dei presidenti che si è riunita questa sera, martedì 24 novembre, nella sede dell’associazione in via Sommacampagna 63/h.

In giunta con Arena i vicepresidenti Nicola Baldo (confermato), Paolo Artelio, Maurizio Danese (confermato) e Paolo Tosi (confermato) – eletti al vertice, rispettivamente, delle sezioni commercio, turismo e servizi – e altri quattro membri:  Paolo Ambrosini (confermato), Claudio Rama, Graziella Tabacchi Basevi (confermata) e Bepino Olivieri. L’assemblea dei presidenti ha scelto infine il collegio dei sindaci (composto da Emilio Cavazza, Claudio Altina e Giampaolo Polato) e il collegio dei probiviri (ne fanno parte Graziella Avesani, Paolo Campion e Gianfranco Dalla Mura).

La nuova giunta resterà in carica fino al 2012.

Paolo Arena ha idealmente ricevuto il testimone da Fernando Morando, poi eletto presidente onorario, che ha deciso di lasciare dopo due mandati e che in apertura dei lavori ha letto una relazione con la quale ha ripercorso i momenti salienti del suo doppio mandato ricordandone il difficile inizio (“tre mesi dopo l’elezione avvenuta il 13 giugno 2001 si verificarono gli attentati dell’11 settembre,  che causarono il tracollo dei mercati finanziari e congelarono le economie di tutto il mondo”) nel quale la principale problematica era peraltro rappresentata dalla  sede: “Quando assunsi la presidenza    avevamo lo sfratto dalla storica sede di Corso Porta Nuova; supportato dal coraggio di tutti presi la decisione, ora risultata vincente, di dare uno “strappo” al passato per collocarci in una zona che nel 2004 sembrava “fuori dal mondo”, quella del Quadrante Europa. In soli quattro anni, grazie anche alla presenza della Confcommercio, in questo immobile si sono inserite realtà molto importanti, e altre ne stanno arrivando”.

“Nel contempo – ha continuato Morando – abbiamo posto particolare attenzione anche alle sedi periferiche intervenendo sul piano della razionalizzazione e dell’ammodernamento. L’ultima in ordine di tempo è la sede del comprensorio Baldo-Garda che, collocata nel Comune di Affi, si sta dimostrando strategica per una vasta area”.

“Confcommercio Verona in questi anni – ha proseguito il past president –  è cresciuta dal punto di vista politico-sindacale andando a presidiare posti strategici per lo sviluppo dell’economia veronese: Camera di commercio, Aeroporto, Consorzio Zai, Consorzi di promozione turistica, tanto per citare i più importanti”.

Dopo essere stato rieletto alla presidenza della Confcommercio provinciale il 3 novembre 2005, nella primavera del 2007 Morando è diventato il primo presidente veronese a guidare la Confcommercio del Veneto. Incarico che continuerà a seguire fino al 2011.

“Ci siamo opposti e continueremo a opporci al proliferare dei Centri commerciali in aree esterne ai tessuti urbanistici: il commercio va portato dove vive la gente, cioè nel vissuto e non “nei non luoghi” che sono rappresentati dai mega centri periferici. Il commercio, così come il turismo, deve vedere salvaguardato il ruolo delle piccole imprese a conduzione familiare”.

“Per dare ancora più forza a questo percorso di tutela e valorizzazione delle piccole e medie imprese – ha proseguito Morando – abbiamo stretto pochi giorni fa un accordo con la Liver-Liberi imprenditori veronesi per l’Europa e con l’Usarci-Unione dei sindacati degli agenti e rappresentanti di commercio italiani della provincia di Verona”.

Nell’annunciare di aver deciso di non ricandidarsi, Morando ha concluso che “quella della presidenza di Confcommercio Verona è stata un’esperienza avvincente, resa bellissima dalla collaborazione di tutti: dai soci, ai presidenti di categoria e di territorio, ai consiglieri di ogni livello, ai colleghi della giunta esecutiva, al collegio dei sindaci fino alla struttura tecnica ottimamente retta da Giorgio Sartori”

Parlando di Paolo Arena, Morando ha evidenziato di aver avuto modo   di apprezzarne “la serietà, la professionalità e la preparazione non solo come presidente dei Giovani imprenditori e di altri momenti di rappresentanza, ma anche come amministratore del sistema Confcommercio”.

 

Il programma del nuovo presidente

Nel prendere la parola, il neo presiedente Paolo Arena, dopo aver sottolineato “i numerosi successi ottenuti in questi anni dal presidente Morando”, ha esposto il suo piano programmatico per il prossimo quadriennio: sollecitazione e continuo confronto con il mondo bancario affinché garantisca un maggior supporto alle aziende in questo periodo di crisi; massima valorizzazione del ruolo del turismo che va considerato asse portante dell’economia e per il quale sia l’amministrazione comunale che provinciale dovranno “spendersi”, mentre commercio e servizi  vanno considerati basilari per lo sviluppo turistico; ulteriore consolidamento del rapporto con gli enti che hanno a che fare con il turismo come Camera di Commercio, Aeroporto, Fiera, Zai, consorzi di promozione e il nascente Convention Bureau, cercando di indirizzare in maniera coordinata una promozione “oggi in mano a troppi enti”; sviluppo dei centri storici che devono tornare ad essere il motore principale della vita economica; richiesta di un riordino delle spese fisse  a carico delle varie attività, dalla Tia all’Ici, alla tassa sui plateatici; regolamentazione delle sagre affinché non facciano concorrenza sleale ai pubblici esercizi e confronto sul cosiddetto “chilometro zero”; proposta di elaborare una normativa che preveda la conoscenza della lingua e delle leggi italiane per poter aprire un’impresa commerciale.

Per quanto concerne Confcommercio Verona, l’associazione “dovrà arricchirsi di nuovi servizi per i soci e fare affidamento sul marketing territoriale”. Arena proporrà inoltre di istituire in pianta stabile il consiglio dei presidenti con una riunione bimestrale per informare e garantire il massimo confronto.

 

Chi è Paolo Arena

Classe 1969, un diploma al Liceo Scientifico Fracastoro di Verona nel cassetto, Paolo Arena è nato a Roma ma risiede a Caprino Veronese da sempre; è titolare dell’agenzia della Vittoria Assicurazioni di Affi di cui è  agente generale dal 1990, con menzione ad Agente Generale più giovane d’Italia. Presidente provinciale del Gruppo Giovani imprenditori della Confcommercio dal 2004, nello stesso anno è stato eletto anche leader del sindacato Caffè Bar della Provincia di Verona. Nel 2005 è divenuto membro della Giunta di Confcommercio Verona con delega all’amministrazione, ed è inoltre stato eletto presidente regionale dei Giovani Confcommercio e del sindacato Agenti di assicurazioni di Verona. Nel 2006 ha ideato – insieme ai presidenti dei Giovani di Confindustria, Apindustria e Costrutturi – la Scuola per l’Imprenditoria Giovanile di Verona, esperienza formativa pilota partecipata da tutte le associazioni di categoria; ne è stato coordinatore fino a pochi mesi fa.

Dal 2007 al 2008 ha ricoperto il delicato incarico di vicepresidente della Fondazione Arena di Verona,  carica confermata nel 2009. Dal 2008 è componente del Consiglio  Direttivo del Consorzio Lago di Garda è… con nomina da parte dell’Aeroporto Valerio Catullo. Quest’anno, infine, Arena è entrato a far parte della Giunta dell’ente camerale di Verona.

 

Verona

 

In giunta Baldo, Artelio, Danese, Tosi, Ambrosini, Rama, Basevi, Olivieri

 

Fernando Morando, eletto presidente onorario, ha tracciato il bilancio dei suoi due mandati durante l’affollatissima assemblea dei presidenti.  

 

E’ Paolo Arena il nuovo presidente di Confcommercio Verona. Lo ha deciso all’unanimità e per acclamazione l’affollata assemblea dei presidenti che si è riunita questa sera, martedì 24 novembre, nella sede dell’associazione in via Sommacampagna 63/h.

In giunta con Arena i vicepresidenti Nicola Baldo (confermato), Paolo Artelio, Maurizio Danese (confermato) e Paolo Tosi (confermato) – eletti al vertice, rispettivamente, delle sezioni commercio, turismo e servizi – e altri quattro membri:  Paolo Ambrosini (confermato), Claudio Rama, Graziella Tabacchi Basevi (confermata) e Bepino Olivieri. L’assemblea dei presidenti ha scelto infine il collegio dei sindaci (composto da Emilio Cavazza, Claudio Altina e Giampaolo Polato) e il collegio dei probiviri (ne fanno parte Graziella Avesani, Paolo Campion e Gianfranco Dalla Mura).

La nuova giunta resterà in carica fino al 2012.

Paolo Arena ha idealmente ricevuto il testimone da Fernando Morando, poi eletto presidente onorario, che ha deciso di lasciare dopo due mandati e che in apertura dei lavori ha letto una relazione con la quale ha ripercorso i momenti salienti del suo doppio mandato ricordandone il difficile inizio (“tre mesi dopo l’elezione avvenuta il 13 giugno 2001 si verificarono gli attentati dell’11 settembre,  che causarono il tracollo dei mercati finanziari e congelarono le economie di tutto il mondo”) nel quale la principale problematica era peraltro rappresentata dalla  sede: “Quando assunsi la presidenza    avevamo lo sfratto dalla storica sede di Corso Porta Nuova; supportato dal coraggio di tutti presi la decisione, ora risultata vincente, di dare uno “strappo” al passato per collocarci in una zona che nel 2004 sembrava “fuori dal mondo”, quella del Quadrante Europa. In soli quattro anni, grazie anche alla presenza della Confcommercio, in questo immobile si sono inserite realtà molto importanti, e altre ne stanno arrivando”.

“Nel contempo – ha continuato Morando – abbiamo posto particolare attenzione anche alle sedi periferiche intervenendo sul piano della razionalizzazione e dell’ammodernamento. L’ultima in ordine di tempo è la sede del comprensorio Baldo-Garda che, collocata nel Comune di Affi, si sta dimostrando strategica per una vasta area”.

“Confcommercio Verona in questi anni – ha proseguito il past president –  è cresciuta dal punto di vista politico-sindacale andando a presidiare posti strategici per lo sviluppo dell’economia veronese: Camera di commercio, Aeroporto, Consorzio Zai, Consorzi di promozione turistica, tanto per citare i più importanti”.

Dopo essere stato rieletto alla presidenza della Confcommercio provinciale il 3 novembre 2005, nella primavera del 2007 Morando è diventato il primo presidente veronese a guidare la Confcommercio del Veneto. Incarico che continuerà a seguire fino al 2011.

“Ci siamo opposti e continueremo a opporci al proliferare dei Centri commerciali in aree esterne ai tessuti urbanistici: il commercio va portato dove vive la gente, cioè nel vissuto e non “nei non luoghi” che sono rappresentati dai mega centri periferici. Il commercio, così come il turismo, deve vedere salvaguardato il ruolo delle piccole imprese a conduzione familiare”.

“Per dare ancora più forza a questo percorso di tutela e valorizzazione delle piccole e medie imprese – ha proseguito Morando – abbiamo stretto pochi giorni fa un accordo con la Liver-Liberi imprenditori veronesi per l’Europa e con l’Usarci-Unione dei sindacati degli agenti e rappresentanti di commercio italiani della provincia di Verona”.

Nell’annunciare di aver deciso di non ricandidarsi, Morando ha concluso che “quella della presidenza di Confcommercio Verona è stata un’esperienza avvincente, resa bellissima dalla collaborazione di tutti: dai soci, ai presidenti di categoria e di territorio, ai consiglieri di ogni livello, ai colleghi della giunta esecutiva, al collegio dei sindaci fino alla struttura tecnica ottimamente retta da Giorgio Sartori”

Parlando di Paolo Arena, Morando ha evidenziato di aver avuto modo   di apprezzarne “la serietà, la professionalità e la preparazione non solo come presidente dei Giovani imprenditori e di altri momenti di rappresentanza, ma anche come amministratore del sistema Confcommercio”.

 

Il programma del nuovo presidente

Nel prendere la parola, il neo presiedente Paolo Arena, dopo aver sottolineato “i numerosi successi ottenuti in questi anni dal presidente Morando”, ha esposto il suo piano programmatico per il prossimo quadriennio: sollecitazione e continuo confronto con il mondo bancario affinché garantisca un maggior supporto alle aziende in questo periodo di crisi; massima valorizzazione del ruolo del turismo che va considerato asse portante dell’economia e per il quale sia l’amministrazione comunale che provinciale dovranno “spendersi”, mentre commercio e servizi  vanno considerati basilari per lo sviluppo turistico; ulteriore consolidamento del rapporto con gli enti che hanno a che fare con il turismo come Camera di Commercio, Aeroporto, Fiera, Zai, consorzi di promozione e il nascente Convention Bureau, cercando di indirizzare in maniera coordinata una promozione “oggi in mano a troppi enti”; sviluppo dei centri storici che devono tornare ad essere il motore principale della vita economica; richiesta di un riordino delle spese fisse  a carico delle varie attività, dalla Tia all’Ici, alla tassa sui plateatici; regolamentazione delle sagre affinché non facciano concorrenza sleale ai pubblici esercizi e confronto sul cosiddetto “chilometro zero”; proposta di elaborare una normativa che preveda la conoscenza della lingua e delle leggi italiane per poter aprire un’impresa commerciale.

Per quanto concerne Confcommercio Verona, l’associazione “dovrà arricchirsi di nuovi servizi per i soci e fare affidamento sul marketing territoriale”. Arena proporrà inoltre di istituire in pianta stabile il consiglio dei presidenti con una riunione bimestrale per informare e garantire il massimo confronto.

 

Chi è Paolo Arena

Classe 1969, un diploma al Liceo Scientifico Fracastoro di Verona nel cassetto, Paolo Arena è nato a Roma ma risiede a Caprino Veronese da sempre; è titolare dell’agenzia della Vittoria Assicurazioni di Affi di cui è  agente generale dal 1990, con menzione ad Agente Generale più giovane d’Italia. Presidente provinciale del Gruppo Giovani imprenditori della Confcommercio dal 2004, nello stesso anno è stato eletto anche leader del sindacato Caffè Bar della Provincia di Verona. Nel 2005 è divenuto membro della Giunta di Confcommercio Verona con delega all’amministrazione, ed è inoltre stato eletto presidente regionale dei Giovani Confcommercio e del sindacato Agenti di assicurazioni di Verona. Nel 2006 ha ideato – insieme ai presidenti dei Giovani di Confindustria, Apindustria e Costrutturi – la Scuola per l’Imprenditoria Giovanile di Verona, esperienza formativa pilota partecipata da tutte le associazioni di categoria; ne è stato coordinatore fino a pochi mesi fa.

Dal 2007 al 2008 ha ricoperto il delicato incarico di vicepresidente della Fondazione Arena di Verona,  carica confermata nel 2009. Dal 2008 è componente del Consiglio  Direttivo del Consorzio Lago di Garda è… con nomina da parte dell’Aeroporto Valerio Catullo. Quest’anno, infine, Arena è entrato a far parte della Giunta dell’ente camerale di Verona.

Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...