cerca

News

Gruppo Tecnico MASI presentato IL LIBRO “APPASSIMENTO E AMARONE: PARADIGMI DELLE TECNICHE VITIVINICOLE DELLE VENEZIE”

16 Marzo 2015
Sala Lucchi

PRESENTATO OGGI A VERONA DAL GRUPPO TECNICO MASI IL LIBRO “APPASSIMENTO E AMARONE: PARADIGMI DELLE TECNICHE VITIVINICOLE DELLE VENEZIE” CHE CONCLUDE LA TRILOGIA DI PUBBLICAZIONI TECNICO SCIENTIFICHE DELLA FONDAZIONE MASI.
 
Dieci anni di studi del Gruppo tecnico Masi per delineare il comparto vinicolo delle Venezie.
Una storia che ha visto l’apporto fondamentale dell’industriosità dei veneti.
 
 E’ stato presentato oggi a Verona presso l’Accademia di Agricoltura, Scienze e Lettere il volume “Appassimento e amarone: paradigmi delle tecniche vitivinicole delle Venezie”, a cura di Lanfranco Paronetto e del Gruppo Tecnico Masi. Sono intervenuti Raffaele Boscaini, responsabile del Gruppo Tencico Masi, e Sandra Torriani, dell’Università di Verona, dipartimento di biotecnologie.
 
Alla stesura del libro hanno contribuito valenti studiosi dei università italiane e straniere. L’esperto franco-inglese Gerard Basset, Master of Wine e Master Sommelier OBE, lo ha arricchito con un’ampia e autorevole introduzione.
 
Il libro su “Appassimento e amarone” conclude una trilogia, i cui precedenti volumi sono stati pubblicati dalla Fondazione Masi nel 2006 e nel 2011: erano dedicati rispettivamente alle uve autoctone e ai “terroir” delle Venezie. La trilogia completa costituisce una disamina inedita della storia e dello stato dell’arte del comparto vinicolo ed enologico del Nordest, costata un decennio di studi, sperimentazioni e profondo impegno.
 
In particolare, quest’ultimo volume testimonia il contributo fornito da Masi in oltre cinquant’anni di esperienza nell’antica tecnica dell’appassimento. “Le uve, il terroir e l’uomo – ha spiegato, Raffaele Boscaini – indicano quel triangolo della qualità cui fanno riferimento i tre libri editi della Fondazione Masi. In particolare, è da sottolineare l’aspetto che riguarda l’industriosità veneta e il contributo che la tecnologia ha fornito in questi decenni all’enologia: pensiamo alle scuole, per esempio, da quella di San Michele all’Adige a quella di Conegliano; oppure pensiamo ai macchinari (serbatoi, pompe, botti, presse…) che sono apprezzati in tutto il mondo e sono frutto della capacità dei veneti, anche se magari sono in pochi a saperlo”.

 

 

Fotoservizio Antonella Anti

Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...