cerca

News

I 150 anni di Verona italiana

24 Febbraio 2016
Verona, vari luoghi

Verona si appresta a festeggiare i suoi 150 anni di appartenenza all’Italia. Il 16 ottobre 1866, accolti da una folla imponente, i primi reparti dell’Esercito Italiano, entravano intorno alle 17, da Porta Vescovo al comando del generale Medici. Poche ore prima nel Salone degli Stucchi di Palazzo Carli, in via Roma, sede del Comando generale austriaco veniva ribadita la pace tra l’Italia e l’impero austro-ungarico siglata a Vienna il 3 ottobre.

Così Verona, capitale del famoso quadrilatero, con Legnago, Peschiera e Mantova, veniva consegnata all’Italia, senza che nessuno dei suoi oltre 800 cannoni disseminati tra i 32 forti e le mura della città, avesse sparato un solo colpo. Il podestà di Verona, conte Edoardo de Betta, annunciava ai concittadini l’avvenuta liberazione dal dominio austriaco con il seguente manifesto:

“Il Municipio di Verona proclama: l’atto di cessione è firmato, le ree catene caddero infrante. Viva l’Italia, Viva Vittorio Emanuele. Cittadini, lo straniero è partito, partito per sempre. L’esercito italiano chiamato dal Municipio sta per entrare fra noi. Viva l’Esercito. Moviamo tutti a dargli il fraterno saluto. Alla santa festa anche i nostri martiri assistono.”

Il 12 ottobre 1866, mentre Verona era ancora formalmente austriaca, usciva il primo numero del quotidiano L’Arena-giornale di Verona, diretto da Giunto Ponticaccia e Alessandro Pandian. Con la direzione di Vincenzo Puaré usciva pure il primo numero di L’Adige-gazzetta di Verona.

Il 18 novembre 1866, re Vittorio Emanuele II, per la prima volta poteva così visitare Verona.

Verona

Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...