cerca

News

Le Cantine de l’Arena la decima stagione di concerti

9 Ottobre 2014
Cattedrale di Verona

Le Cantine de l’Arena – Music Brasserie

Al via la decima stagione di concerti

 

Proseguono gli appuntamenti a Le Cantine de l’Arena, il locale culto a Verona per la buona cucina e la buona musica. Tutti gli spettacoli sono ad ingresso libero e cenando nel locale è possibile mantenere il tavolo per assistere allo spettacolo.

 

LA PROGRAMMAZIONE PREVEDE:

 

Il martedì alle 22:00 – Rassegna “Jazz club”:  concerti jazz con grandi ospiti nazionali ed internazionali che spazieranno tra tutte le sfaccettature e contaminazioni della musica Jazz (bebop, swing, dixieland, bossanova, acid jazz, etc.)

 

Il venerdì alle 22:30 e la domenica alle 19:00 – Rassegna “World Music”: rassegna di concerti che spaziano in tutti i generi musicali. Il venerdì è la serata dedicata a concerti carichi di energia (funky, rock, blues, soul, etc.), mentre la domenica è caratterizzata da piacevoli concerti da gustare ad orario aperitivo (funky, bossanova, lounge, folk, etc.)

 

Una grande novità in arrivo: da martedì 18 a domenica 23 Novembre si terrà il primo Jazz Festival organizzato da Le Cantine de l’Arena: una settimana intera all’insegna dei grandi concerti jazz con ospiti internazionali d’eccezione.

 

 

Il programma di Novembre 2014

 

 

 

MARTEDI’ 18 NOVEMBRE 2014 ORE 22,00

Le Cantine de l’Arena Jazz Festival

ALESSANDRO LANZONI Trio

feat. RALPH ALESSI

(Jazz)

 

 

RALPH ALESSI tromba

ALESSANDRO LANZONI piano

MATTEO BORTONE contrabbasso

ENRICO MORELLO batteria

 

 

Il concerto di apertura del “Jazz Festival” de Le Cantine de l’Arena vede il ritorno  del famoso giovane  pianista  Alessandro Lanzoni. Con lui Matteo Bortone al contrabbasso e Enrico Morello alla batteria. Il gruppo si unirà alla tromba californiana di Ralph Alessi, eccellente improvvisatore nei gruppi di Steve Coleman, Uri Caine, Ravi Coltrane, Fred Hersch, Don Byron.

 

L’assegnazione del “Top Jazz 2013” come miglior nuovo talento dell’anno, attribuito dai più qualificati giornalisti italiani per la rivista Musica Jazz , colloca ormai a pieno titolo Alessandro Lanzoni fra gli artisti di maggiore personalità del jazz italiano, forte anche di un curriculum che, potendo già vantare esperienze di assoluto prestigio, da diversi anni lo ha imposto all’attenzione del mondo musicale.

 

Il suo trio, costituito nelle aule di Siena Jazz, durante i due anni dell’International Jazz Master, è nato alla luce di un’esperienza comune (la passione per il jazz in primo piano) che si è subito tradotta nella volontà di costruire insieme qualcosa di bello e di nuovo, all’insegna della continua ricerca della fusione e dell’interplay.

 

‘Dark flavour’, il primo album, ha rivelato già una fisionomia ben delineata: un repertorio di brani originali, frutto delle doti compositive del leader (e non solo), ma anche brani della migliore tradizione del jazz, con scelte estremamente mirate. Nel concerto sarà possibile assistere ad un gruppo in cui convivono gioia di vivere e consapevolezza dei propri mezzi, con uno sguardo lanciato verso il futuro.

 

 

MERCOLEDI’ 19 NOVEMBRE 2014 ORE 22,00

Le Cantine de l’Arena Jazz Festival

NYC SmallsLIVE

(Jazz)

 

 

 

JOE MAGNARELLI tromba

SPYKE WILNER piano

TYLER MITCHELL contrabbasso

ENZO CARPENTIERI batteria

 

Fondato nel 1994 da Mitchell Borden, lo “Smalls” è presto diventato uno dei migliori locali di musica jazz di New York: giovani artisti come Jeremy Pelt, Peter Bernstein, Jimmy Greene, Mark Turner, Chris Potter e molti altri hanno improvvisato sul suo palco fino a tarda notte. Nel 2002 Mitchell Borden andò in bancarotta e dovette chiudere il locale.

Due anni più tardi il pianista Spike Wilner decise di rilevarlo mantenendo la sua missione originale: far suonare una generazione di musicisti e diffondere l’eredità della musica jazz non solo nella città di New York, ma anche nel resto del mondo; ogni concerto dal vivo allo “Smalls” è archiviato e registrato nella libreria del sito Web. 

Spike Wilner ha fatto di questo piccolo scantinato ­al 183 West 10th Street del Greenwich Village, a due passi dallo storico Village Vanguard, ­un luogo noto a livello internazionale a tutti gli appassionati di jazz. 

SmallsLIVE presenta qui un gruppo riunito dal pianista Spike Wilner e composto dal trombettista Joe Magnarelli, da Tyler Mitchel al contrabbasso e dal batterista Enzo Carpentieri.

 

GIOVEDI’ 20 NOVEMBRE 2014 ORE 22,00

Le Cantine de l’Arena Jazz Festival

GEORGE CABLES 4et

feat. WICTOR LEWIS

(Jazz)

 

GEORGE CABLES piano

PIERO ODORICI sax soprano, sax tenore

DARYL HALL contrabbasso

VICTOR LEWIS batteria

 

Questa sera è di scena il miglior modern mainstream con il quartetto di una stella del jazz, il pianista George Cables sostenuto dal ficcante drumming di Victor Lewis. Completano la formazione altri due virtuosi del proprio strumento, Piero Odorici ai sassofoni e Darryl Hall al contrabbasso.

 

Il fraseggio elegante, il tocco raffinato e percussivo, un eccellente senso del blues e un’incredibile vena compositiva hanno fatto di George Cables uno dei più importanti pianisti oggi in attività. Art Pepper lo chiamava “Mr. Beautiful” per impeccabile perizia tecnica e una musicalità fuori dal comune tali da rendere ogni interpretazione un unicum. 

 

VENERDI’ 21 NOVEMBRE 2014 ORE 22,00

Le Cantine de l’Arena Jazz Festival

NO SMOKING

(Jazz)

 

ALAN FARRINGTON  voce
ROBERTO SOGGETTI 
pianoforte
MARCO COCCONI 
basso
RICKY BIANCOLI 
batteria

 

I No Smoking dell’esuberante vocalist Alan Farrington sono una band che sa come far alzare la temperatura della serata, attingendo prima a piene mani dalle musiche di Gershwin, Porter, Ellington, Berlin e poi passando con massima naturalezza a canzoni più recenti ma altrettanto immortali firmate da Lennon e McCartney, Stevie Wonder e altri.
Hanno realizzato due CDs “Frank my dear” dedicato a Frank Sinatra e “Yeah!” con cover ed inediti.

 

 

DOMENICA  23 NOVEMBRE 2014 ORE 19,00

Le Cantine de l’Arena Jazz Festival

ORIGINAL DIXIELAND SONGBOOK

feat. CARLO ATTI

(Jazz)

 

A seguire:

– Jam Session Jazz-

 

CARLO ATTI sax

PAOLO TRETTEL tromba

FIORENZO ZENI clarinetto, sax tenore

LUIGI GRATA trombone

ANDREA BOSCHETTI banjo, chitarra

RENZO DE ROSSI piano

GIORGIO BEBERI sax basso

CLAUDIO ISCHIA batteria

 

La Tiger Dixie Band è una delle poche band a livello internazionale, che si dedica sistematicamente al recupero del Jazz degli “anni ruggenti”, proponendolo con un approccio interpretativo originale ed attuale.

Le atmosfere tipiche del New Orleans e del Chicago Style, del Charleston e del Ragtime, sono filologicamente rispettate nel timbro e nello spirito, anche per via dell’utilizzo di alcuni strumenti originali dell’epoca. Il sound generale è però filtrato attraverso le esperienze musicali più moderne dei singoli membri della Tiger Dixie Band, che si fondono sui vari piani dell’esecuzione, dall’arrangiamento all’improvvisazione.

Ospite della serata il sassofonista Carlo atti, noto musicista Jazz nel panorama internazionale.

 

MARTEDI’ 25 NOVEMBRE 2014 ORE 22,00

UK CONNECTION TRIO

(Jazz)

 

ANDREA POZZA piano

ANDREW CLEYNDERT contrabbasso

MARK TAYLOR  batteria

 

UK Connection Trio è la nuova formazione internazionale voluta e ideata dal pianista jazz Andrea Pozza con due tra i più importanti e quotati musicisti della scena jazzistica inglese ed americana, Andy Cleyndert al contrabbasso e Mark Taylor alla batteria.

 

I tre,  che collaborano  in Inghilterra da oltre 4 anni, si sono esibiti nei più importanti club londinesi – dal Ronnie Scott’s, al “606”, al Bull’ s Head etc. Per la prima volta hanno deciso di varcare la Manica per portare il loro sound anche in Italia con un tour che si concluderà con l’incisione di un cd in uscita nel 2015.

 

Il repertorio comprende sia composizioni originali di Andrea Pozza scritte per UK Connection Trio ispirate alle caratteristiche stilistiche dei suoi due partner, al sound d’oltremanica e a quello nord europeo che brani tratti dai più diversi repertori, dalla musica classica al pop, dalla bossa nova all’immenso song book degli standard jazz.

 

L’eleganza, la musicalità e la maestria del pianismo di Andrea Pozza, supportate da una ritmica di altissimo livello, sapranno regalare al pubblico atmosfere intimistiche e calde ricche di suggestioni ed improvvisazioni giocate sui colori ed in perfetto equilibrio fra la solidità dell’impianto formale di stampo europeo e l’inventiva fresca e ammaliante di un sound in pieno stile americano.

 

VENERDI’ 28 NOVEMBRE 2014 ORE 22,30

THE MIXTAPERS

(Funk/Brazil/R&B/Soul)

 

 

MICHELE MANZO basso, chitarre

ALO voce

NICO MENCI piano, tastiere

DANILO MINEO percussioni

MARTINO BISSON vintage drum machines and sounds

           

 

 The ”Mixtapers” è un progetto visionario e unico che condensa in una band diversi aspetti della musica contemporanea, dalla produzione alla performance live. Composto da Michele Manzo (basso e chitarre), Nico Menci (piano e keyboards), Danilo Mineo (percussioni), Martino Bisson (vintage drum machines and sounds) è completato in questa occasione da ALO, geniale talento vocale da scoprire.

 

Un viaggio nella storia Modern Funk, delle armonie ”brazil”, dell’ R&B e del Neo Soul. Il progetto è sostanzialmente una live band che rende tridimensionale il suo suono dal vivo, integrando gli strumenti reali con drum machine analogiche, suoni d’ambiente e sample, rievocando la dub music con echi, riverberi, sirene, e suoni della strada. L’effetto è quello di un disco, o di una cassetta, ma è tutto completamente suonato Live in bilico fra improvvisazione, interplay e pre-produzione.

 

Il gruppo sta lavorando a un nuovo EP con prestigiose collaborazioni americane e nel frattempo presenta brani inediti del prossimo lavoro e materiale tratto dall’EP ”Donato Mixato” uscito a marzo, un tributo alla musica del grande compositore brasiliano Joao Donato.

 

DOMENICA  30 NOVEMBRE 2014 ORE 19,00

YOLANDA CHARLES

“Live in Italy 2014”

(Funk/R&B)

 

YOLANDA CHARLES voce, basso

FEDERICO MALAMAN piano, basso

RICKY QUAGLIATO batteria

 

Yolanda Charles è una  bassista- cantautrice inglese. Ha iniziato a suonare il basso a 15 anni; si è introdotta nel “music business” suonando con Jimmy Sommerville ( “The  Communards”), Raw Stylus e Urban Species.  

 

Diventata una turnista molto richiesta, la sua carriera è decollata con collaborazioni di grande prestigio. Per citare alcuni nomi: Robbie Williams, B.B King, Eric Clapton, Van Morrison, Anastasia, Natasha Bedingfield, Sinead O’Conner, Dave Stewart e molti altri. Ha collaborato in studio anche per Michael Jackson e Jermaine Jackson e suonato nella colonna sonora del film “Alfie”, lavorando con Mick Jagger.

 

Il progetto con il noto bassista italiano Federico Malaman nasce dalla voglia di suonare assieme e di condividere della musica, soprattutto quella composta dai due bassisti.

                                                                                                                                                             In questo live, dove il Funk e il Rythm & Blues la faranno da padrone, saranno sostenuti dalla batteria del giovane talentuoso Ricky Quagliato, già presente in molti progetti  di Malaman.

 

MARTEDI’ 2 DICEMBRE 2014 ORE 22,00

STEVE GUT 5et

feat. GIOVANNI MAZZARINO

(Jazz)

 

STEVE GUT tromba

RINO CIRINNA’ sax tenore

GIOVANNI MAZZARINO piano

NELLO TOSCANO contrabbasso

ENRICO SMIDERLE batteria

 

Steve Gut con la sua tromba ha disegnato memorabili duetti con Miles Davis; è stato tra i primi non afroamericani a far parte degli All Stars di Lionel Hampton; è stato protagonista delle scene jazz europea ed americana con importanti progetti live e in studio insieme a nomi del calibro di Sal Nistico, Clark Terry, Horace Parlan, Mel Lewis, Kenny Washington, Alvin Queen, Charlie Antolini, Dusko Gojkovic e Wynton Marsalis.

 

Musicista completo e dalla forte personalità artistica, docente al “Graz Institut for Jazz” da un trentennio, Stjepko Gut si presenterà al pubblico con una formazione in quintetto, garanzia di esecuzioni brillanti e vivaci virtuosismi.  Ad accompagnare il genio serbo della tromba saranno Rino Cirinnà (“anima” dell’Ortigia Jazz Festival) al sax tenore, Nello Toscano al contrabbasso, Giovanni Mazzarino al pianoforte ed Enrico Smiderle alla batteria. Una band che consentirà di fondere le inquietudini urbane statunitensi e mitteleuropee alle atmosfere siciliane, e con rimembranze balcaniche.

 

 

VENERDI’ 5 DICEMBRE 2014 ORE 22,30

PAPA GEORGE BAND

(Blues)

 

PAPA GEORGE voce, chitarra

GIGI TODESCA  basso

VINCENZO BARATTIN batteria

 

Aggressiva, grintosa e viscerale, dolce e suadente. La chitarra di Papa George è tutto questo nel suo viaggio blues. Ma è anche il ponte fra la sua anima e quella degli ascoltatori.

Attraverso atmosfere sinuose e allo stesso tempo taglienti, di un bottleneck che scivola sulle corde evocando le note e le atmosfere del Delta del Mississippi, conduce fino al boogie martellante e solido di un’elettrica che grida il sound di Chicago.

Roca e Nera, la voce emoziona, sottolinea, si alterna alla chitarra tra tiratissime e calde note, improvvise impennate e sorprendenti, insinuanti pause.

Nato e vissuto a Londra, fa del blues la proiezione del suo spirito e del suo stile di vita.

 

DOMENICA 7 DICEMBRE 2014 ORE 19,00

TABLAO FLAMENCO

(Flamenco)

 

JOSÉ LUIS SALGUERO voce

ALBERTO RODRIGUEZ chitarra

PAOLO MAPPA percussioni

MARTA ROVERATO e CHIARA GUERRA ballo

 

In questa serata interamente dedicata alla musica e alle danze della tradizione andalusa e spagnola la chitarra di Alberto Rodriguez, la voce di José Luis Salguero e le percussioni di Paolo Mappa accompagneranno l’esibizione delle ballerine Marta Roverato e Chiara Guerra.

 

Il  flamenco è un’arte che nasce in Andalusia, ed è strettamente connessa al ricco folclore andaluso e spagnolo, ai canti e  alle danze  popolari e tradizionali, sviluppandosi poi con la fusione e lo scambio delle tradizioni culturali e musicali dei diversi popoli che si sono stabiliti in Andalusia  ( arabi, ebrei, gitani).

 

Questo incontro ha dato origine ad un gran numero di stili diversi, denominati palos.

Ancora oggi il flamenco – nelle sue tre componenti: canto, musica e danza – è nella cultura gitano-andalusa parte della vita di tutti i giorni e conserva la sua natura di linguaggio vivo.

 

Il Flamenco si può definire come una fusione indissolubile fra canto, musica e danza,  un’ espressione artistica dell’esistenza umana, di cui sa rappresentare gli universali dualismi di gioia e sofferenza, amore e odio, materia e spirito, vita e morte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Informazioni al pubblico e prenotazioni:

Le Cantine de l’Arena

Tel. 045 8026373     

www.lecantine-arena.com

Informazioni sugli spettacoli:

Andrea Lucchi

andrea.lucchi@cantinedelarena.it

 

 

 

Foto archivio Antonella Anti

 

Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...