cerca

News

Le ragazze nella società contemporanea

27 Febbraio 2024

Chi sono le giovani donne oggi? Come si rapportano al genere maschile e al sesso? Lo abbiamo chiesto alla psicologa e sessuologa Giuliana Guadagnini

di Agnese Ceschi

 

“Quando si ha a che fare con i ragazzi, bisogna saperli osservare senza pregiudizi ed ascoltare senza giudicarli, ma orientando le loro scelte. Non dimenticando mai che è importante che i ruoli siano comunque ben definiti”. Come è cambiato il sistema delle relazioni tra uomo e donna nelle nuove generazioni e il ruolo della famiglia ce lo spiega la psicologa e sessuologa, Giuliana Guadagnini da più di 25 anni a contatto con gli adolescenti e con le famiglie nelle scuole e durante la terapia.

 

In questi anni di professione che evoluzione ha visto nel mondo femminile?
Ho visto le ragazze cambiare, sdoganarsi per la voglia di affermarsi, ma gli effetti si sono visti. Per esempio con il sexting in rete la cosa è sfuggita di mano. Fortunatamente poi è arrivato il codice rosso ed il reato di revange porn. Le ragazze si vestono da grandi, iniziano ad avere rapporti sessuali a 13 anni, accedono alla chirurgia plastica con una cura estetica maniacale. Non c’è parità di genere in questo senso: all’uomo è concesso molto senza giudizio, mentre la donna è etichettata subito come una poco di buono.

 

Da cosa è causato tutto ciò?
La pressione sociale impone delle figure omologate: o sei a quel livello, o non sei nessuno e non sei visibile nel gruppo. I social hanno aggravato il meccanismo: i ragazzi si sentono solo in rapporto ai like che ricevono.

 

Come vivono il rapporto con il sesso?
È ancora forte il tabù del sesso e purtroppo il silenzio trova le risposte in rete o sui social. Di contro i ragazzi hanno esperienze sessuali molto giovani e pensano di sapere tutto, quando la conoscenza è superficiale. Famiglie, esperti e scuola dobbiamo trasmettere loro la consapevolezza dei rischi.

 

Che modello di famiglia abbiamo di fronte?
Si è passati da una famiglia rigida nel passato ad una che genera una gran confusione: permissivismo estremo, mancanza di osservazione e di ascolto. L’impostazione famigliare è cambiata molto: mamme lavoratrici, nonni spesso assenti, oppure famiglie aperte… I ragazzi hanno molta confusione, vanno incontro ad apatia, dipendenza da social, depressione. La mamma morbosa-chioccia, la mamma lavoratrice che delega tutto, la madre-amica creano danni incredibili.

Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...