cerca

News

Mauro Ottolini e la sua Sousaphonix appuntamento della rassegna ” La Valigia dei suoni, crocevia di culture”

8 Giugno 2013
Museo AMO, Verona, Palazzo Forti

La Valigia dei suoni, crocevia di culture

Quattro concerti nei quattro venerdì dal 7 al 28 giugno per rinnovare l’appuntamento con la rassegna musicale della Fondazione Centro Studi Campostrini di Verona arrivata alla sua ottava edizione.

Una nuova valigia di suoni, verso un mondo musicale dove si intersecano ricerca storica e proposta innovativa, curiosità antropologica e virtuosismo strumentale, amore per le musiche “altre” e desiderio di trasmettere nuove emozioni. Questa la nuova proposta dell’ottava edizione della rassegna musicale Valigia dei Suoni. Migrazioni e contaminazioni dal globo sonoro dal titolo “Dalla tradizione al futuro in un crocevia di culture” della Fondazione Centro Studi Campostrini, curata da Meri Palvarini e Max Marmiroli, in quattro concerti il venerdì sera alle 21 dal 7 al 28 giugno 2013 nel cortile di via Santa Maria in Organo, 2, a Verona. In caso di pioggia i concerti si terranno all’interno della chiesa dell’Istituto Campostrini allo stesso indirizzo. Ingresso 10 euro, 5 euro ridotto studenti. Per i possessori di Verona Giovani Card sarà applicato lo sconto di un euro sul prezzo del biglietto.

 

 

Le quattro tappe del viaggio vedranno come protagonisti Mauro Ottolini e la sua Sousaphonix, I Liguriani, Gnu Quartet e Remo Anzovino.

Venerdì 07 giugno alle 21: Mauro Ottolini e la sua Sousaphonix si esibiscono nello spettacolo dal titolo Bix Factor. Mauro Ottolini, trombettista veronese e riconosciuto Miglior musicista italiano al Top Jazz 2012/2013, Miglior trombonista italiano Jazzit Award, Miglior arrangiatore italiano Jazzit Award 2012/2013, presenta un viaggio musicale e visionario ispirato al libro omonimo scritto con Vanessa Tagliabue che attraverso costumi, letture e il racconto della storia, si snoderà il concerto ispirato al jazz tradizionale dei primi anni del secolo scorso, quando New Orleans e Chicago erano le città che, attraverso i loro teatri e i  locali notturni, forgiavano i primi grandi artisti come Bix Beiderbecke (nome che ha ispirato il titolo e che parla della povertà culturale odierna comparata alla vita difficile di un genio della tromba che non ha potuto esprimere al meglio la propria arte). In un’ottica contemporanea e originale, Ottolini ripropone suoni in evoluzione tra jazz e blues, attraverso un sound fresco che profuma di antico e futuro insieme. Suonano con Mauro Ottolini (trombone, sousaphone, voce) e Vanessa Tagliabue Yorke (voce): Stephanie Ocèan Ghizzoni (voce, riti voodoo), Dan Kinzelman (sax tenore, clarinetto, clarinetto basso), Guido Bombardieri (clarinetti), Paolo De Giuli (cornetta), Vincenzo Vasi (voce, theremin, elettronica, strumenti giocattolo), Franz Bazzani (armonio liturgico a pedali, pianoforte), Enrico Terragnoli (banjo, chitarra elettrica, podofono), Paolo Botti (viola, dobro), Danilo Gallo (contrabbasso), Zeno De Rossi (batteria).

I concerti si svolgono nel cortile della Fondazione Centro Studi Campostrini in via Santa Maria in Organo, 2, a Verona. In caso di pioggia gli spettacoli si terranno all’interno della chiesa dell’Istituto Campostrini allo stesso indirizzo. Ingresso 10 euro, 5 euro ridotto studenti. Per i possessori di Verona Giovani Card sarà applicato lo sconto di un euro sul prezzo del biglietto. La Valigia dei suoni è patrocinata dalla Provincia e dal Comune di Verona, dalla Regione Veneto  e dal Conservatorio di musica Bonporti di Trento. Per prenotazioni e informazioni visitare il sito dedicato www.valigiadeisuoni.it o chiamare il numero 045/8670770. 

 

Fotoservizio Antonella Anti

.visita il sito 045 8030461

Via Achille Forti, 1,
37121 Verona

Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...