cerca

News

Que reste-t-il de nos amours? al Teatro Camploy di Verona

9 Gennaio 2012
Teatro Camploy

Con Que reste-t-il de nos amours? di Luciano Padovani prosegue venerdì 30 marzo al Camploy la sezione danza dell’Altro Teatro. Lo spettacolo, proposto dalla compagnia Naturalis Labor , è una sorta di musical “sull’amore e su Parigi”.

La  rassegna prosegue venerdì 30 marzo al Teatro Camploy alle 20.45 con Que reste t il de nos amours? di Luciano Padovani su musiche e canzoni francesi di autori vari. Una sorta di musical “sull’amore e su Parigi” interpretato da Silvia Bertoncelli, Chiara Guglielmi, Sandhia Nagaraja, Luca Zampar, Paolo Ottoboni, Marco Rogante e Annalisa Rainoldi.
Lo spettacolo – che intende raccontare l’amore, Parigi e la sua gente – è popolato di personaggi che cantano, ballano e si amano in atmosfere che richiamano la Vie en rose ma anche le istanze esistenzialiste e culturali della rive gauche.
«Tra i tanti personaggi – spiega Padovani – c’è il timido Paul, poeta, innamorato delle donne, di tutte le donne del mondo. C’è Annalì, una giovane smorfiosetta. E c’è la zia Peggy, fumatrice incallita e ingiallita come una vecchia foto d’epoca. E poi (non sappiamo se è il suo vero nome) c’è Marc, un tipo scontroso e solitario che ruba le lettere d’amore degli altri e le  accumula in casa sua. Come se volesse essere amato anche lui. E ancora: Silvie, una ragazza che è stata lasciata dal suo Jean e sta cercando l’uomo della sua vita. E infine Sandhia che è arrivata qui con un piroscafo dentro a una culla quando era bambina e fin da piccina – conclude Padovani – ha sempre avuto una voce morbida e sensuale».
Oltre ai danzatori c’è, in scena, un fisarmonicista: Sergio Marchesini che suonerà per tutti quelli che passano sotto un lampione in rue Lacard.
I costumi sono disegnati da Lucia Lapolla, le scene firmate da Nathalie Rose, le luci da Rossella Favero.
Nata nel 1988 a Vicenza, la compagnia Naturalis Labor diretta da Luciano Padovani è impegnata da anni nella ricerca in vari ambiti (dalla danza contemporanea al tango) con l’intento di approdare a nuove suggestioni coreografiche ed espressive.

Prezzi
posto unico       10 euro
posto unico ridotto       8 euro
Venerdì 30 marzo vendita biglietti al Teatro Camploy dalle ore 20.00.

Prevendita tramite circuito GETICKET (numero verde sportelli di Unicredit Banca ABILITATI 800323285) e CALL CENTER (tel. 848002008). Biglietti on line su www.geticket.it
Servizio biglietteria anche presso BOX OFFICE (via Pallone12/a, tel. 899199057).
Informazioni ai numeri 045/8008184-8009549, sul sito www.laltroteatro.comune.verona.it,
e scrivendo a spettacolo@comune.verona.it.

 

foto Antonella Anti

Via Cantarane,
37129 Verona

Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...