cerca

News

San Silvestro. Chi era il Santo della “notte più lunga” dell’anno?

7 Dicembre 2023

Tra storia e leggenda, il trentatreesimo Vescovo di Roma è legato alla tradizione del Capodanno che ogni 31 dicembre – 1° gennaio invade le piazze di tutto il mondo (o quasi)

 

Di lui ci sono pervenute rare e frammentarie notizie. Ma la tradizionale festa nelle piazze che, ogni ultimo giorno dell’anno, unisce uomini e donne di tutto il mondo (o quasi) sotto lo stesso cielo, è storicamente legata proprio alla ricorrenza liturgica che porta il suo nome: Silvestro. Si tratta del trentatreesimo pontefice della Chiesa cattolica, conosciuto come papa Silvestro I, e collocato – a proposito di “passaggi” da un periodo a un altro (come quello che avviene fra il 31 dicembre e il 1° gennaio del successivo anno) – giusto a cavallo tra la Roma pagana e la Roma Cristiana. Quella “avviata” dall’imperatore Costantino, per intenderci. Il quale oltre a fargli dono del palazzo del Laterano come residenza privata, fece seguito all’input che lo stesso pontefice gli aveva dato per la fondazione della prima basilica di San Pietro sul Colle Vaticano, destinata ad accogliere i resti dell’apostolo. Sul rapporto tra papa Silvestro e Costantino si tramanda altresì che il primo avrebbe guarito il secondo dalla lebbra, somministrandogli il sacramento del Battesimo. Per le sorgenti comunità cristiane in Roma, inoltre, il santo della “notte più lunga” dell’anno, fece erigere otto basiliche e si dedicò all’assistenza dei più poveri e bisognosi. I suoi contemporanei lo soprannominarono Confessore della fede, titolo onorifico usato dal IV secolo in poi per celebrare uomini di fede distintisi per l’aver divulgato la Parola di Dio con particolare coraggio e sapienza, sia attraverso gli scritti che le proprie opere e predicazioni. Virtù che a un anno dalla sua morte, avvenuta il 31 dicembre del 335 d.C., gli valsero anche l’inserimento nel calendario dei santi. La coincidenza tra la ricorrenza cattolico cristiana e la festa popolare del Capodanno sarebbe tuttavia casuale. Sta di fatto che, tradizioni religiose e usanze pagane – talvolta anche più antiche – si mescolano, per una notte, sotto lo stesso firmamento, generando tripudi di festa che ogni popolazione declina secondo il proprio sentire e folklore. Ecco che, oltre ai classici brindisi in piazza e spettacoli pirotecnici tra lago e città, o alle notti danzanti tra i tavoli dei cenoni e sale da ballo, gli appassionati di musica rimasti in riva all’Adige, ad esempio, potranno optare anche per un conto alla rovescia sulle note della grande musica proposta al teatro Filarmonico dall’Orchestra e Coro di Fondazione Arena (quest’ultimo diretto da Roberto Gabbiani), concerto in programma il 31 dicembre 2023 alle 19.30. Mentre per la gioia dei più piccoli e un Capodanno in famiglia, c’è sempre il parco divertimenti più famoso d’Italia, Gardaland. Dove la sera di San Silvestro il veglione sarà all’insegna dell’intrattenimento, del divertimento e menu da degustare o presso il Wonder Restaurant o il Tutankhamon Restaurant (a seconda del pacchetto che si sceglierà di prenotare dal sito web del parco).

Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...