cerca

News

Vivere l’estate in salute

14 Agosto 2023

Consigli per affrontare il caldo e la fatica

Giornate più lunghe, voglia di stare all’aperto e fare scorta di sole e aria, anche se non si è in ferie, al mare o ai monti. Il caldo, che spesso arriva all’improvviso dopo i mesi freddi, destabilizza il corpo e non è sufficiente indossare vestitini leggeri, o bere i due litri di acqua al giorno (otto bicchieri circa), evitare le ore più calde, fare movimento di prima mattina o alla sera (almeno 10 mila passi al giorno, cioè 5 km), fare yoga per il benessere psicofisico. A volte a fare i conti col caldo non sono solo gli anziani o i bambini o le donne incinte: a tutti può capitare di trovarsi con gambe e caviglie gonfie per problemi di ritenzione idrica. 

Ce lo dicono tutti gli anni anche i media di evitare bevande gassate o zuccherate, troppo fredde o alcolici, di stare al sole per assorbire la vitamina D regolatore del metabolismo del calcio (prestando attenzione alla pelle e quindi munirsi di buone creme solari), di camminare per contrastare le malattie cardiovascolari come peso, pressione alta o colesterolo. Attenzione all’aria condizionata: il corpo soffre passando da un ambiente caldo a uno freddo.

Un buon aiuto arriva dall’alimentazione e dal suggerimento di mangiare poco e spesso. Magari piatti unici e bilanciati: carote, albicocche, pesche, melone, pomodori, peperoni e radicchio sono una buona fonte di vitamina A, che protegge la pelle dai raggi solari e facilita l’abbronzatura. Ottimo alimento d’estate è il gelato, anche per sostituire a volte un pasto. Con la varietà di frutta e verdure di stagione ricche di vitamine e minerali è facile preparare golose ricette e menù leggeri. L’anguria, ad esempio, è ricca di sali minerali, magnesio e potassio, che evita l’insorgenza di crampi.

Il caldo e l’umidità nelle giornate afose abbassano l’energia e di qui la sensazione di stanchezza. La sudorazione abbondante porta alla perdita di liquidi e sali minerali, come detto specialmente di magnesio e potassio. 

È indispensabile bere molta acqua, meglio se a temperatura ambiente, con limone, se piace.

Per alleviare il caldo di notte ci sono alcuni accorgimenti come mettere un cuscino sotto le gambe, utilizzare lenzuola di raso o cotone, bagnare i polsi con acqua fredda per abbassare la temperatura corporea. Chiudere le finestre durante il giorno ed aprire la sera, facendo circolare l’aria. Bisogna, inoltre, ricordare che l’aria calda tende a salire, quindi è meglio stare e dormire “in basso”.

I rischi del caldo umido sono il collasso, accompagnati da ansia, spossatezza, mal di testa. Se l’umidità è molto alta si può arrivare a colpi di calore, fino alle convulsioni.

Alcuni suggerimenti:

– Importante è rispettare quotidianamente il numero e gli orari dei pasti, soprattutto la prima colazione, che fornisce il carburante per tutta la giornata;

– Oltre a prediligere frutta e verdura (almeno 400gr al giorno) buona regola è mangiare lo yogurt non zuccherato, che costituisce un ottimo spuntino;

– Da non trascurare anche la frutta secca ricca di proteine e grassi “buoni”, senza esagerare;

– Variare gli alimenti, anche nel colore: il colore, infatti, è dato dalle sostanze ad azione antiossidante (vitamine, polifenoli, ecc.);

– Moderare il consumo di piatti elaborati;

– Condire con olio a crudo, salare moderatamente e preferire il sale iodato, che favorisce la funzione della tiroide;

– Nei pasti prediligere cereali integrali e legumi.

 

a cura di Giancarla Gallo

Approfondimenti:

come prendersi cura della propria cervicale

climi e salute

Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...