cerca

News

XXX Premio Masi Teatro Filarmonico

29 Agosto 2011
Teatro Impiria

foto Antonella Anti

Teatro Filarmonico – Verona, 24 Settembre 2011

Il Premio Masi, giunto alla sua trentesima edizione, porta alla ribalta temi di grande spessore: l’impegno, attraverso il volontariato, nella promozione in Africa del diritto fondamentale alla salute; la conoscenza delle aree viticole del nuovo e del vecchio mondo alla ricerca dell’espressione tecnico-culturale dei diversi territori; il talento espresso dalle Venezie nell’arte della recitazione, nell’intuizione che porta all’innovazione tecnologica e nell’ospitalità diventata simbolo del made in Italy nel mondo intero.

Rinnovando un rito consolidato, la Fondazione Masi organizza l’incontro con i Premiati per il prossimo 24 settembre 2011 al Teatro Filarmonico di Verona.

Questo l’elenco dei premiati:

Grosso d’Oro Veneziano a don Luigi Mazzucato, fondatore e storico direttore dell’Associazione CUAMM, Medici con l’Africa; Premio Internazionale Masi per la Civiltà del Vino al giornalista e scrittore franco-canadese Jacques Orhon; Premio Masi per la Civiltà Veneta al giovane e già affermato attore teatrale e cinematografico Giuseppe Battiston; ad Arrigo Cipriani, paradigma dell’ospitalità veneta, patron e animatore del mitico Harry’s Bar; al matematico ed informatico Massimo Marchiori, inventore dell’algoritmo di Google.

 

“L’opportunità offerta da una ricorrenza, soprattutto se importante come quella del trentennale del Premio Masi, non è data soltanto dai festeggiamenti per un traguardo tanto significativo…quanto dalla possibilità di procedere allargando ulteriormente l’orizzonte delle iniziative…E’ opportuno che quello della giuria sia un lavoro d’indagine approfondita, alla ricerca di figure non ovvie, non in vista, però esemplari. Non è un compito facile perché il premio era inizialmente indirizzato a riconoscere delle carriere, non delle speranze, delle promesse, quali inevitabilmente sono i talenti più giovani…Tuttavia questa è una strada che intendiamo percorrere”. Così Isabella Bossi Fedrigotti, Presidente della Fondazione Masi, commenta il traguardo della trentesima edizione del Premio Masi: con una dichiarazione programmatica, che ha trovato riscontro già nella scelta dei Premiati di quest’anno dove, oltre a dovuti tributi alla carriera, si affiancano riconoscimenti a giovani talenti internazionali, quali sono lo scienziato Massimo Marchiori e l’attore Giuseppe Battiston.

 

Sandro Boscaini, Vicepresidente e anima della Fondazione Masi oltre che Presidente di Masi Agricola, sottolinea invece il ruolo che ha avuto il “suo” vino, l’Amarone, nell’ideazione di un Premio che in questi trent’anni ha contribuito al successo della Valpolicella e dei suoi vini nel mondo: “Se è vero che il vino è uno dei testimoni più importanti del territorio, è altrettanto vero che il territorio e la sua cultura accreditano e valorizzano il vino e i suoi produttori: questa è l’idea iniziale da cui nasce il Premio Masi Civiltà Veneta, per sottolineare che nella cultura veneta hanno un posto di rilevanza i vini tradizionali della zona…E’ particolarmente significativo come l’Amarone costituisca l’oggetto reale del Premio, per cui, se l’Amarone premia la civiltà veneta, la civiltà veneta riconosce l’Amarone come uno dei suoi emblemi”.

 

Il Premio Internazionale Masi Grosso d’Oro Veneziano, tradizionalmente riservato a personalità che hanno contribuito a diffondere nel mondo un messaggio di solidarietà, progresso civile e pace, viene conferito a don Luigi Mazzucato, fondatore e storico direttore dell’associazione CUAMM, Medici con l’Africa, la prima Organizzazione non governativa in campo sanitario riconosciuta in Italia. Nata nel 1950 con lo scopo di formare medici per i paesi in via di sviluppo, negli anni ha scelto di operare nel continente africano e di promuovervi il diritto fondamentale alla salute, come primo strumento per consentire il riscatto di un continente ricco di risorse naturali e soprattutto umane. “L’Africa è un paese dove la metà della popolazione ha meno di quindici anni e dove è palpabile la voglia di fare, di affermarsi, di riscattarsi” spiega don Luigi Mazzucato.

 

Il Premio Internazionale Masi per la Civiltà del Vino, conferito nel tempo a personaggi del Gotha dell’enologia, viene assegnato quest’anno a Jacques Orhon, sommelier, giornalista e scrittore franco-canadese, il più autorevole conoscitore e ambasciatore del vino italiano nel mondo francofono. I suoi natali e i suoi primi studi tecnici in Francia, indiscussa patria culturale del vino, non gli hanno impedito in seguito di esaminare senza condizionamenti, mantenendo sempre uno spirito vivo, curioso e appassionato, le diverse aree viticole del vecchio e del nuovo mondo e di divenire ambasciatore della cultura enologica in Canada, dove ora vive e opera.

 

Il Premio per la Civiltà Veneta viene assegnato quest’anno a tre personaggi che, pur rimanendo profondamente ancorati ai valori della terra d’origine, hanno assunto con la loro attività una rilevanza nazionale e internazionale:

Giuseppe Battiston, giovane e già affermato attore, che si è imposto all’attenzione del pubblico per le sue interpretazioni in opere teatrali e film diretti da registi tra i più accreditati nel panorama cinematografico italiano, da Silvio Soldini a Carlo Mazzacurati, a Giuseppe Albanese. E’ considerato un attore in grado di trasformare in straordinario qualsiasi ruolo gli venga affidato, dimostrando come anche una parte non da protagonista possa diventare fondamentale per la qualità e il successo di un film.

Arrigo Cipriani, paradigma dell’ospitalità veneta, patron e animatore del mitico Harry’s Bar, eccellenza italiana oggi divenuta, anche grazie al contributo della nuova generazione entrata in azienda, una moderna organizzazione con strategie globali ed un piccolo impero costituito di resorts, ristoranti e alberghi diffusi nei cinque continenti. Un successo che deve il suo segreto alla capacità di rimanere sempre uguali a sé stessi, proteggere lo stile della consueta accoglienza e di quel gusto italiano che ne hanno fatto una leggenda, luogo di incontro di scrittori, artisti ed aristocratici.

Massimo Marchiori, giovane matematico e informatico, uno dei protagonisti della  rivoluzione tecnologica del web che ha cambiato il mondo. Inventore dell’algoritmo alla base del motore di ricerca Google, impegnato nello sviluppo del web 3.0, ha ricoperto ruoli di rilievo in organismi internazionali come il celebre MIT di Boston. Ex “cervello in fuga dall’Italia”, ha ora deciso ritornarvi e “rimboccarsi le maniche qui”, per dare un contributo al proprio Paese.

 

Il conferimento dei premi avrà luogo anche quest’anno al Teatro Filarmonico di Verona, in un incontro-dibattito presentato dal giornalista Antonello Piroso, con l’intervento anche del Presidente della Fondazione Masi Isabella Bossi Fedrigotti, del Presidente Onorario Demetrio Volcic e di Sandro Boscaini, l’inventore del Premio.

 

L’appuntamento è per sabato 24 Settembre 2011 (ingresso su invito).

 

L’incontro-dibattito al Teatro Filarmonico sarà preceduto dal consueto rito della Firma della botte da parte dei Premiati presso le Cantine Masi, occasione in cui verrà presentata la composizione scultorea che l’artista Pino Castagna ha dedicato alla Civiltà Veneta in occasione della celebrazione del trentesimo anniversario del Premio Masi. L’opera, Denominata “Arcadia”, è costituita da tre Cariatidi che omaggiano la cultura, le arti e l’imprenditoria delle Venezie tramite simboli forti che connotano ognuna di esse.

 

La Fondazione Masi ha deciso inoltre di celebrare la speciale ricorrenza del Trentennale offrendo al pubblico due eventi, rappresentativi delle sue attività culturali: la presentazione del nuovo libro sulle Terre da Vino delle Venezie (appuntamento venerdì 9 settembre alle 17,30 presso l’Accademia Agricoltura Scienze e Lettere di Verona) e il Concerto dei Virtuosi Italiani (appuntamento venerdì 16 settembre alle 21 presso la Pieve di San Giorgio di Valpolicella).


Gli eventi consigliati

Scopri tutti gli eventi

il calendario

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

la newsletter

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni...