.cerca

Mangiare e Bere

VINO BARDOLINO

Castello di Montorio


I paesi della zona classica

I comuni della zona di produzione classica del Bardolino

Affi

Villapoggi Punto d'incrocio fra il Garda, il Caprinese e la Valdadige, Affi ha avuto un forte sviluppo commerciale negli ultimi decenni. Il centro storico è dominato dalla sagoma del monte Moscal.

Nelle adiacenze del paese c'è Villa Poggi, fatta costruire dai Da Persico nella seconda metà dei Seicento, e poi ampliata tra la fine del Settecento e i primi decenni dell'Ottocento.

Ad Incaffi, sulla sommità del Moscal, c'è la villa che appartenne del colto medico Girolamo Fracastoro. Nato nel 1479 da una nobile famiglia veronese, fu medico (papa Paolo III lo volle con sé al concilio di Trento) e letterato. Nel suo trattato "De vini temperatura sententia", del 1534, si discute sulle proprietà terapeutiche e dietetiche dei vini.

Lungo la stradicciola che porta a Cavaion c'è la contrada di Caorsa con la sua chiesetta romanico-campestre dedicata a San Bartolomeo.

Bardolino

Bardolino Bardolino, il paese che ha dato il nome al vino, ha un'antichissima tradizione viticola: un documento dell'893 dice dell'offerta al monastero veronese di San Zeno di terre con olivi e vigne nei pressi della chiesa di San Severo da parte di re Berengario I.

Nel centro storico sono numerosi gli elementi d'attrazione, a cominciare dalla splendida chiesa di San Severo, capolavoro del romanico veronese. Poco lontano, inglobata fra le case di una piccola corte rurale, vi è la chiesetta di San Zeno, una delle più antiche della provincia.

La parrocchiale dei Santi Nicolò e Severo, nel cuore del paese, è ottocentesca. Presso il porto, affacciato sul bel lungolago c'è palazzo Gelmetti, l'attuale municipio. Vicino al porticciolo è anche la loggia Rambaldi, cinquecentesca. Accanto c'è il palazzo Guerrieri Rizzardi, con un giardino proteso verso il lago, mentre villa Carrara-Bottagisio è alla conclusione del lungolago.

In collina, un'altra bella chiesetta: San Vito di Cortelline. Sulla Rocca vi è anche l'eremo camaldolese: nella chiesa sono conservate opere pregevoli del Paglia e di Palma il Giovane.

Bardolino ha due frazioni: Calmasino, in collina, e Cisano, sul lago, con la sua pieve di Santa Maria, che conserva la facciata e l'abside dell'antica chiesa romanica.

Cavaion Veronese

Cavaion_3 Subito alla spalle di Bardolino, Cavaion Veronese ha avuto un forte sviluppo negli ultimi anni, pur senza smarrire la sua identità agricola, fondata su un'antica tradizione vinicola (sul finire del Quattrocento, Marin Sanudo definiva "perfectissimi" i vini del luogo).

La parte vecchia del paese si sviluppa sulle pendici del monte San Michele. Accanto al municipio è interessante la struttura di Corte Torcolo. Nel centro storico sono caratteristici gli intrói, stretti vicoli pedonali acciottolati, delimitati da alti muraglioni. La chiesa parrocchiale è della prima metà dell'Ottocento.

Poco lontano, lo stagno di Cà Nova, circondato dai vigneti, nasconde i resti di un villaggio preistorico, i cui reperti sono visibili presso il piccolo museo archeologico. In aperta campagna c'è Villa Cordevigo, con la chiesetta di San Martino, che contiene ben tremilatrecento reliquie – vere o presunte tali – raccolte da monsignor Marco Antonio Lombardo.

Cavaion ha una frazione in riva all'Adige: è Sega, da secoli sede di segherie, prima di legname e poi di marmo. L'industria del marmo ha tuttora notevole valenza economica.

Costermano

Villapellegrini Le vigne ed i vini di Costermano vennero elogiati nei versi latini dal nobile locale Tomaso Becelli, nel Cinquecento, nel poemetto "De laudibus Castri Romani et Benaci". Il palazzo di famiglia è in centro al paese.

In municipio c'è il disco con cui il campione olimpico Adolfo Consolini, nato nella frazione di Albarè, stabilì il record europeo nel 1955. Poco fuori dal paese si estende un cimitero militare tedesco.

Nella frazione di Castion c'è villa Pellegrini, un capolavoro incastonato nel verde del giardino all'italiana e delle colline. Nella frazione di Marciaga sorge il piccolo santuario della Beata Vergine del Soccorso.

La Val dei Molini, che congiunge il territorio di Costermano con quello di Garda, può essere oggetto di una bella passeggiata.

Garda

Garda Il golfo di Garda è chiuso a sud dalla Rocca, su cui sorgeva il castello che diede nome al lago, e a nord dal Monte Luppia, la cui ultima propaggine è costituita dal punta San Vigilio, la cui villa Brenzoni Guarienti venne progettata dal Sanmicheli.

Garda è il paese lacustre che conserva più spiccata la tradizione della pesca professionale: i suoi pescatori sono riuniti in Cooperativa.

Sulla piazza del porto s'affaccia il palazzo dei Capitani, in stile veneziano. La pieve di Santa Maria Maggiore è al Borgo. La festa patronale è il 15 agosto, giorno della Madonna Assunta: è anche la data nella quale si corre il palio delle contrade, sulle barche da pesca.

Subito fuori dal paese spicca villa degli Albertini. Verso San Vigilio c'è palazzo Carlotti Canossa, teatro della passione fra Gabriele D'Annunzio e Alessandra di Rudinì Carlotti.

Il territorio di Garda rientra nella zona Classica del Bardolino, ma la produzione vitivinicola è limitatisima.

Lazise

Lazise_2 Comune autonomo già nel 983, grazie alla concessioni di Ottone II, Lazise vanta un'ampia cinta muraria ampliata e resa più sicura dagli Scaligeri. Tre le porte d'accesso al centro: la porta nuova, voluta da Cansignorio nel 1376, porta San Zeno e la porta del Lion. Il castello venne eretto fra il 1375 ed il 1381.

Scenografica la piazza del municipio, che si pare verso il porticciolo, su cui si affacciano la Dogana veneta e la chiesetta di San Nicolò, in stile romanico. 

Sul territorio comunale sorgono parecchie interessanti ville, quasi tutte, però, non sono visitabili.

Due le frazioni di Lazise: Colà, con il bel palazzo Miniscalchi, noto come villa dei Cedri, oggi centro termale, e Pacengo, in riva al lago, con la chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista costruita sul finire del Settecento.

Via Castel Montorio,
37141 Montorio, Verona

.i consigliati di Carnet.

.Scopri i nostri consigliati.

.Vivere Verona.

.mostra altre attività.

.il calendario.

Programmi per il prossimo weekend?

Programmi per il prossimo weekend?

.la newsletter.

Rimani aggiornato
Ricevi tutte le novità Carnet Verona, concerti, spettacoli, eventi, manifestazioni, nightlife...

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di terze parti (tecnici e di profilazione) per migliorare la tua esperienza di navigazione e fornirti un servizio in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni di questi cookie clicca qui. Cliccando, chiudendo questa finestra oppure continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.